La Fonte di Citrin
   Riduci

Da ricordare, nel vallone di Citrin, a 1818 metri di altitudine, la presenza di una fonte di acqua ferruginosa. Vi sono di essa solo poche notizie, si sa che anticamente era denominata Citron o Citrun e pare sia stata scoperta da alcuni pastori mentre portavano al pascolo il loro bestiame.

L'origine del toponimo sembra da attribuirsi al nome etnico dei celtoliguri, i Ceutrones, oppure alla romana Gens Citronia, anche se una terza interpretazione è stata prospettata: la derivazione dal termine francese Citrin, che vorrebbe indicare le tracce di colore giallo limone lasciate dall'acqua.

Nel 1900 l'acqua della fonte fu fatta analizzare dalla Regia Stazione Sperimentale di Torino, le cui analisi evidenziarono un alto tasso di ferro con abbondante fase gassosa disciolta. Grazie ai lavori eseguiti dal Comune, si è costruita una conduttura che rende possibile il trasporto dell'acqua dalla sorgente alla fontana situata nella piazza di Bosses (vicino al Municipio), dove tutti ne possono gustare il particolare sapore durante la stagione estiva. Nel corso dell'inverno la conduttura è disattivata per evitare i danni dovuti al gelo.



Torna al menù di accesso rapido