Chiese e Cappelle
   Riduci
La Chiesa Parrocchiale di San Leonardo

Chiesa di San Leonardo

La Chiesa parrocchiale di Bosses è dedicata a San Leonardo e rappresenta uno dei primi esempi di architettura neogotica in Valle d’Aosta, come testimoniano i pilastri a fascio che reggono gli archi a sesto acuto. L’edificio fu infatti edificato tra il 1860 e il 1861 su di un’antica cappella risalente all’inizio del XIV secolo; a partire dalla fine del XVII secolo l’edificio originario divenne nota meta di pellegrinaggi, con cui i fedeli si rivolgevano al Santo per invocare la guarigione dei paralitici e degli storpi. In origine la cappella dipendeva dalla parrocchia di Saint-Rhémy,mentre quella di Bosses fu costituita come parrocchia a sé stante solo a partire dal 1° aprile 1824. L’attuale edificio presenta pianta a tre navate con abside circolare. Le pareti sono decorate da affreschi realizzati nel 1862 dal pittore di Ivrea Giuseppe Stornone. L’altare maggiore in legno dipinto e i relativi arredi, quali la croce d’altare e le serie di candelieri, sono realizzati in stile neogotico in armonia con l’architettura complessiva della Chiesa. Particolarmente pregevole è inoltre l’altare in legno intagliato e dorato di fattura settecentesca posto nella cappella laterale destra.

La Chiesa di Saint Rhémy

Chiesa di San Lorenzo

Un vero gioiello all’interno del borgo di Saint-Rhémy, la Chiesa di San Lorenzo fu riedificata nel 1784, su fondamenta di epoca paleocristiana. L’edificio presenta tre navate, decorate anch’esse come le pareti della parrocchiale dai fratelli Stornone di Ivrea nel 1898. È opera di questi pittori anche la tela raffigurante la Madonna attorniata dagli angeli e da San Remigio, patrono della località, collocata all’interno del prezioso altare maggiore in legno intagliato, dipinto e in parte dorato, di stile barocco. La Chiesa possiede anche alcuni preziosi arredi, quali due inginocchiatoi ad armadietto, uno in legno di noce del XVIII secolo e l’altro in acero, con uno sportello ad intaglio del XIX secolo. Interessante è poi il battistero in legno risalente al XVII secolo, nel quale sono stati battezzati tutti gli abitanti del borgo.

Le Cappelle
 
Cappella di Saint Michel

Meta di processioni annuali è la Cappella di Saint Michel, costruita nel 1663 in frazione Artanavaz.
Una curiosità: sembra che il parroco fosse solito introdurre l’asta della croce nella vicina fontana più o meno profondamente a seconda di quanto desiderava sollecitare l’intensità della pioggia.

Infine, nei pressi del luogo dove un tempo sorgeva l’Hôpital de Fonteintes si trova oggi una cappella che da un documento vescovile del 1633 risultava in cattivo stato di conservazione; si presume, pertanto, che l’attuale edificio sia stato ricostruito nel XVII o XVIII secolo. All’interno si trovano alcuni dipinti raffiguranti Sant’Ambrogio, Sant’Agostino, San Girolamo e San Gregorio Magno, risalenti al '600.

Le Processioni e altre manifestazioni religiose...


Torna al menù di accesso rapido